Venerdì 28 aprile, Casa Cavalier Pellanda, Biasca, ore 21.00

in collaborazione con RSI-ReteDue, Tra jazz e nuove musiche

in differita radio in Concerto Jazz, domenica 30 aprile alle 21.00

• Shai Maestro Trio  

Shai Maestro (pianoforte), Petros Klampanis (contrabbasso), Ziv Ravitz (batteria)

prevendita presso: Ufficio turistico OTR Bellinzonese e Alto Ticino – Sede Biasca e Riviera 

Tel. +41 91 862 33 27

Enfant prodige l’israeliano Shai Maestro, oggi trentenne, mostra la sicurezza del musicista veterano, quale in effetti è, anche sulle scene statunitensi.

Pianista tra i più coccolati del jazz attuale si è segnalato per la sua lunga militanza nel Avishai Cohen Trio (oltre al leader contrabbassista era completato da un altro talento di vaglia, il batterista Mark Guiliana), con il quale ha calcato i plachi di mezzo mondo, dal 2006 al 2010, nei più importanti festivals internazionali.

Nel frattempo il pianista si trasferisce a New York e soprattutto comincia a pensare a una propria formazione. Con questo trio Shai Maestro ha già inciso quattro dischi: l’esordio (che porta il nome del gruppo) nel 2012, The Road To Ithaca l’anno dopo, Untold Stories nel 2015 e il recentissimo The Stone Skipper

Il trio mostra quanto l’anelito internazionalista percorra il jazz contemporaneo: Ziv Ravitz, batterista dotato d’inconsueta sensibilità, è anche lui israeliano, mentre Petros Klampanis, contrabbassista di virtuosistiche prestazioni, è nato in Grecia. Ma il linguaggio del trio è pura tradizione jazz statunitense. Il pianista, che racconta di avere scoperto il jazz grazie a un disco di Oscar Peterson, mostra tutte le influenze che su di lui hanno avuto Chick Corea e Keith Jarrett; del primo evoca spesso le scansioni ritmiche luminose e stimolanti, con il secondo condivide un’invidiabile, istintiva felicità melodica. Corea e Jarrett vengono alla mente anche per un altro elemento, come i due popolari pianisti erano riusciti a fare nei confronti della generazione che cresceva negli anni Settanta (e, aggiungiamo, come è accaduto a Brad Mehldau per quella a cavallo fra i Novanta e il nuovo millennio), Shai Maestro sembra perfettamente sintonizzato con le aspettative, i gusti, i desideri e le preoccupazioni dei giovani contemporanei. Per questo si candida a divenire uno dei nomi con i quali verrà ricordato questo periodo storico.

www.shaimaestro.com